Coliandro, nuove puntate dal 20 Gennaio



Coliandro è stata una piacevolissima sorpresa della stagione televisiva estiva 2006. Nessuno ci puntava un cent su questo telefilm, realizzato nel 2004, caciarone e citazionista, invece le storie di Lucarelli, la regia dei Manetti Bros e le interpretazioni di un Giampaolo Morelli bel calato nella parte hanno decretato il successo della serie. I primi 4 episodi hanno raggiunto il 12% di share e punte più alte tra i giovani e i laureati (15%). Coliandro è inoltre uno dei titoli più scaricati dagli utenti di Rai Click, ed è oggetto di molti blog e contatti su Internet. La prima serie è stata venduta in molti paesi stranieri tra cui Francia, Paesi Bassi, Spagna, Grecia, Albania, Ukraina, Slovacchia, Bulgaria, Ungheria, Romania, Ex Jugo, Vietnam.

Adesso Coliandro ritorna in tv, dal 20 gennaio sempre su RaiDue con 4 nuovi episodi.

Squadra che vince non si cambia: story editor della serie è sempre Carlo Lucarelli: l’Ispettore Coliandro è nato dalla penna dello scrittore bolognese, ed è il protagonista di uno dei suoi best seller, "Il giorno del lupo", da cui è stato tratto il primo episodio della serie. La regia è affidata ai Manetti Bros. Il protagonista della serie è Giampaolo Morelli affiancato da Gargiulo (Giuseppe Soleri) che come al solito seguirà Coliandro in tutte le sue inchieste non autorizzate come suo braccio destro. Entrano a far parte della squadra anche due nuovi colleghi: una poliziotta di fresca nomina, la Balboni, (Enrica Ajo’) e l’ispettore Gamberini, poliziotto laureato in psicologia (Paolo Sassanelli) amico e talvolta compagno di macchina, spesso in amichevole conflitto con Coliandro per il suo approccio analitico e celebrale alle inchieste, molto diverso da quello fisico verbale e intuitivo del suo collega.

Coliandro avrà poi una protagonista diversa per ogni singolo episodio: Gloria Bellicchi per "Sesso e segreti", Gilda Lapardaja per "La Pistola", Valentina Lodovini per "Mai rubare a casa dei ladri" - ad eccezione dell’episodio "Doppia rapina" in cui rientra in scena Cecilia Dazzi nel ruolo di Alessia che avevamo incontrato nell'episodio "In trappola" della prima serie.
Comparsate speciali per Philippe Leroy, Luca Carboni, Lamberto Bava, G Max, Roberto Citran, Gigio Alberti, Giorgio Comaschi.



Ecco qui per voi le trame dei nuovi episodi:

LA PISTOLA
Sceneggiatura di Carlo Lucarelli e Andrea Cotti

Coliandro si fa fregare la pistola da una ragazza di origine slava, Jelena, mentre cerca di arrestarla per un tentato furto. Jelena, però, non è una ladra: è una giovane donna in fuga, spaventata. Dato che non può certo rivelare a colleghi e superiori di essersi fatto rubare la pistola, Coliandro è impegnato come al solito in una indagine personale. Aiutato solo da Gargiulo, insegue la sua pistola e di conseguenza la ragazza, finendo per scontrarsi con un’alleanza tra la spietata “mafia dei balcani” e la camorra, e portando alla luce un giro di riciclaggio di rifiuti tossici.

DOPPIA RAPINA
Sceneggiatura di Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi

Un gruppo di rapinatori mascherati e in apparenza efficienti fa irruzione in una banca prendendo in ostaggio clienti e impiegati per fare aprire dal direttore la cassaforte nel caveau. In una toilette della banca si trova però Coliandro , che accortosi del tentativo di rapina, riesce ad avvertire i suoi colleghi. Arriva il Gambero a trattare. Nel frattempo la situazione all’interno della banca si è capovolta: tre criminali “veri” che devono recuperare degli importantissimi documenti, prima che la Longhi li raggiunga con un mandato di cattura, approfittano della situazione per agire ed ecco che banditi (criminali da quattro soldi con armi finte) e ostaggi si trovano prigionieri di feroci banditi pronti a tutto. Ma non hanno fatto i conti con Coliandro che metterà i bastoni fra le ruote ai veri criminali, spesso involontariamente e facendosi anche scoprire, fino a provocarne l’arresto e salvare gli ostaggi malgrado le perplessità dei suoi capi.

SESSO E SEGRETI
Sceneggiatura di Andrea Cotti e Andrea Magnani

L’omicidio di Luigi D’Orrico – anonimo titolare di una piccola ditta che si occupa di raccolta ed elaborazione dati – non sarebbe un caso eclatante. Se non fosse che sono coinvolte escort, squillo d’alto bordo, e se non fosse che inaspettatamente le indagini vengono rallentate e deviate da ordini dall’alto. Coliandro – escluso dalle indagini ma con la volontà di rimediare agli errori passati – si trova di nuovo a indagare per conto suo. Aiutato da Claudia, un’altra escort, Coliandro riesce a rintracciare l’unica testimone dell’omicidio, rivelando così una trama complessa, che passa attraverso documenti compromettenti e nascosti, per poi arrivare a cellule deviate dei Servizi Segreti colluse con gruppi di potere economici e politici.

MAI RUBARE A CASA DEI LADRI
Sceneggiatura di Giampiero Rigosi e Matteo Bortolotti

Da una macchina arrivata all’alba in un campo di nomadi rumeni sulla riva del Reno, scendono alcuni uomini che, con precisione militare, aprono il fuoco sulle roulotte senza ferire nessuno. Sembrano tornati i tempi delle aggressioni razziste della Uno Bianca. Ma si tratta invece di un avvertimento e Vlad lo capisce subito. Due ragazze giovanissime della sua banda hanno rubato nella casa sbagliata, c’è qualcosa che deve essere restituita. Vlad e le due ragazze vanno a riconsegnare la refurtiva ma subito dopo sia lui che una delle ragazze vengono uccisi, la più piccola riesce a fuggire e va a rifugiarsi da Coliandro che, qualche giorno prima, l’aveva sorpresa a rubare e l’aveva lasciata libera. Coliandro con l’aiuto di Elena, una giovane assistente sociale che si occupa di nomadi, e del Gambero riuscirà a scoprire un pericoloso gruppo criminale formato anche da ex carabinieri con a capo un maresciallo in servizio.

Commenti

  1. Davvero ritorna Coliandro??? Mitico!!
    "Se oggi fosse un giorno qualunque ti prenderei a schiaffi...E sai che giorno è oggi? Un giorno qualunque!!"

    RispondiElimina
  2. Eheh veramente un bel personaggio... da supportare in mezzo alle tante schifezze che la tv italiana ci propina (e mi hanno detto che anche la serie di Romanzo criminale non è male... devo vederla!).

    RispondiElimina
  3. Io la serie di Romanzo Criminale l'ho scaricata tutta e da quel poco che ho visto mi sembra abbastanza fedele al libro - che sto rileggendo in questi giorni appositamente -

    Il film era stata un'ottima "variazione sul tema"...
    Per fortuna, di tanto in tanto come hai detto tu, qualcosa di decente dal cinema e soprattutto, dalla tv (a pagamento però) ci esce! :D

    RispondiElimina

Posta un commento