Cronaca nera (una giornata in redazione)

Quello che non dovrebbe mai succedere. Quello di cui odio scrivere. Quello di cui campano i giornali.

In cinque violentano una ragazza

Cronaca di una giornata qualunque in redazione. Si scrive delle solite cose in una mattina qualunque già impostata in vista della chiusura del giornale.
Poi le notizie iniziano ad arrivare frammentate, nella notte è successa una storiaccia, bisogna indagare, si chiamano i propri contatti nelle forze dell'ordine, si apprendono le prime notizie. La storia diventa più chiara, si condisce di dettagli. E poi si parte. C'è tutto quello che serve per una notizia da prima pagina; si cavalca l'onda della rabbia, della frustazione, dell'indignazione, del razzismo sottopelle e sempre pronto ad esplodere. Lacrime e sangue in egual misura. C'è chi ci campa di queste cose. Scorza dura, spalle larghe...
Si diventa cinici, si diventa indifferenti. Ma non a tutto. Io non ci sono mai riuscito. E ricordo quando il mio ex direttore mi mandò ad "intervistare" una ragazzina violentata in ospedale; o quando ero sotto casa di una mamma che non sapeva che il figlio era morto in un incidente di moto sulla Palombarese. Mi rifiuto di fare il mio lavoro. Alcune storie possono aspettare, forse per sempre.

Commenti

  1. Non si riesce davvero a diventare cinici o indifferenti a certi fatti...
    Soprattutto perchè, un conto è "vederli da lontanto" attraverso i media (tv,quotidiani, web), mentre un conto è vederli in prima persona, toccarli con mano, come avresti dovuto (causa ordini dall'alto) fare tu...

    La cosa imbarazzante è che certi "giornalisti" si preoccupano solamente di fare un punto di auditel in più sfruttando certe tragedie ancora fresche, piuttosto che fermarsi un momento e rispettare il dolore degli altri.


    Ps: cambiata la skin,eh? Questa è molto più "soft"...Mi piace! :D

    RispondiElimina
  2. Purtroppo ho toccato con mano il fatto che molti giornali hanno un picco di vendite se riportano con divizia di particolari (foto, dichiarazioni in prima persona...) vicende di cronaca nera... e più è "nera", meglio è...
    Mano male che adesso lavoro per un free-press mensile e dobbiamo preoccuparci meno di stare sulla notizia e prediligere altri aspetti... ma la gavetta che ho fatto me la porto ancora dietro...

    Si ho cambiato e sto cambiando qualcosa, ho aggiunto anche i link... non sono molto pratico ma mi impegno! :)

    RispondiElimina

Posta un commento