L'abisso della solitudine

di Boston Teran
Collana Immaginario Dark n. 31, Fanucci Editore, pag. 463 - euro 16,00



Una spietata banda di criminali ha bisogno di un'esca: inchiodano John Victor Sully, un poliziotto di un paesino e poi mandano una gelida killer, Dee Storey con figlioletta al seguito, Shay, ad ammazzarlo. Ma il poliziotto non è morto, emerge dalle sabbie del Messico dove era stato seppellito con un unico scopo: la vendetta. Dieci anni dopo, avrà la sua occasione e le vite di Sully, Dee e la piccola Shay, ormai venticinquenne, si incroceranno ancora.
Fantasmi del passato, fantasmi di solitudine, fantasmi che avvolgono le vite dei protagonisti come nebbia densa e ne decidono i destini. Il mondo descritto da Boston Teran sembra un mattatoio senza speranza, o una tragedia elisabettiana. Ogni personaggio del libro di Teran si muove preda dei fantasmi del passato in cerca di una redenzione impossibile, di una pace che sembra un'utopia da affogare in una violenza cieca e distruttrice, catartica solo all'apparenza, ma in realtà solo un altro tassello per sprofondare sempre di più in abissi di disperazione, odio e cieca perdizione.
Boston Teran ha uno stile riconoscibile: descrizione grafica della violenza, scrittura gotica e dettagliata, dialoghi taglienti ed immediati, attenzione per le psicologie dei personaggi, abilità descrittive che catapultano il lettore fdirettamente dentro le pagine di questo romanzo appassionante.
A parte l'ottimo stile, la vicenda ha dei contorni piuttosto prevedibili, con una storia che ricorda mille altre storie di tradimento, caduta e vendetta, da Payback a Kill Bill – per restare al solo ambito cinematografico - ma lo stile in un romanzo come questo è tutto, e Teran agguanta il lettore per il collo con una commistione di generi, dal pop al gore, dal sentimentale al visionario, e personaggi vividi che restano impressi a lungo.
L'abisso della solitudine avvolge tutti i personaggi, indirizza la loro strada verso un baratro che ha l'aria di un cimitero di anime. Lo stesso cimitero dove si arriva dopo un percorso straziante, combattendo con i fantasmi del passato e del rimpianto, esausti, feriti, con gli occhi pesti ed il cuore a pezzi. Nel suo genere, un libro crudele e poetico.
Dello stesso autore assolutamente da leggere Dio è un proiettile, primo libro di Boston Teran, edito da Mondadori.

Commenti