Princese - Memorie di teatro e carcere

PRINCESE
Diario di bordo. Memorie di teatro e carcere: sezione femminile




Teatro, musica del Faber, attualità dolorosa, sensazioni forti, tutti buoni motivi per andare a teatro a vedere quest'opera coraggiosa.

Una storia di Princese, di donne segnate dalla droga, donne immigrate, madri di famiglie mafiose... donne che attraverso il teatro si ri-conoscono, da Le Serve di Genet a Victoria Station di Harold Pinter, rivivendo sulla scena frammenti di vita, memorie di teatro, speranze di futuro...

Dopo essere stato presentato alle donne del carcere di San Vittore e alla rassegna Dieci Palchi per Fabrizio De Andrè a Osnago, “PRINCESE” arriva a Roma in una versione studiata ad hoc per il piccolo spazio dell’Accento Teatro, dal 5 all’8 febbraio.
Una versione da camera che racconta l’incontro tra il teatro e le donne recluse con la consapevolezza e l’onestà di chi ha lavorato in molte carceri italiane ed europee da San Vittore a Rebibbia, da Berlino a Barcellona.
La regista Donatella Massimilla, insieme alle attrici Gilberta Crispino (nella foto) e Francesca Romana Nascè, riscrive per la scena un "Diario di bordo" intenso e insolito, accompagnato alla chitarra dalle canzoni di Faber, eseguite da Juri Aparo, e dalle immagini di repertorio di anni di lavoro teatrale recluso.

Una narrazione che viaggia sul filo dei personaggi imperfetti di De Andrè, grazie a quei versi che più di altri sono ancora oggi in grado di raccontare solitudini, rifiuti, marginalità e “quell’amore per l’amore” (Dori Ghezzi) che vive nei grandi dolori e nelle grandi assenze.

Una narrazione teatrale di Donatella Massimilla
Con Gilberta Crispino, Donatella Massimilla, Francesca Romana Nascè
Accompagnata dalle canzoni di Fabrizio De Andrè eseguite da Juri Aparo
Installazione video Fabio Giorgetti


Accento Teatro, Via Gustavo Bianchi 12/A (Testaccio - Roma)
Dal 5 all’8 febbraio h 21.00
Biglietto unico 10,00 euro
Per info e prenotazioni 06.57.28.98.12

Commenti