Bhoot

Regia di Ram Gopal Verma
India, 2003



Se non cercate l’originalità a tutti i costi, ma un film capace di strapparvi dei sani brividi lungo la schiena, Bhoot è il film che fa per voi. Importante se vi va di pescare, magari per la prima volta, un film di una cinematografia pochissimo conosciuta - a parte pochissimi esempi arrivati miracolosamente da noi - per un horror che, anche se non è il genere più rappresentativo (niente balletti, vestiti sgargianti o coreografie fantasiose), può rappresentare un ottimo antipasto di un cinema altro.

Diretto con estro visionario e un raffinato gusto per l’immagine dall’indiano Ram Gopal Verma - che poi spaccherà di brutto con il dittico noir Sarkar e Sarkar Raj - il film racconta di una giovane coppia formata da Vishal e Swati, che si trasferisce in un nuovo condominio. Ma si sa, niente va per il verso giusto: nel loro appartamento si è infatti suicidata una giovane donna, che inizia a perseguitare le notti di Swati, fino a condurla vicino alla pazzia. La ragazza, in un momento di crisi, arriva ad uccidere un inserviente del condominio; i dottori pensano che lei soffra di personalità multipla, il marito che sia posseduta. Chi chiamare se non una giovane esorcista?

Come si può intuire facilmente, siamo dalle parti di un fantasma vendicativo, come ormai siamo abituati a vedere. Certo la pellicola non brilla per originalità, ma è capace di mantenere un costante senso di tensione per tutta la durata. Buonissima la regia di Verma, che sa essere in alcuni punti veramente originale tanto da creare una confusione veramente tesa in molti punti - uno tra tutti la prima volta che Swati vede il fantasma attraverso lo specchio.

Un po’ The Eye, un po’ Ju-on, un po’ L’Esorcista, ed eccoci servita la nostra sana dose di brividi quotidiani. Perché è in questo modo che il film in questione ve preso: un esercizio di stile, un po’ sterile, forse, ma di sicuro effetto.

Si racconta che quando Bhoot uscì nelle sale locali ci furono alcuni decessi e/o persone svenute.

Commenti

  1. Dai, queste leggende metropolitane legate alla proiezione di un film horror sono meravigliose ^__^

    Comunque l' horror asiatico è crollato qualitativamente negli ultimi anni..c'è un continuo riciclo di idee parecchio preoccupante...speriamo non si mettano a fare remake come gli americani ^__*

    RispondiElimina
  2. E' vero sono uno spasso!!

    Purtroppo devo darti ragione sull'horror asiatico, io attualmente mi sto rivolgendo verso altri mercati, come quello Thailandese, che riserva non poche sorprese e che prima o poi esploderà come ha fatto anni fa l'action di Hong Kong e l'horror giapponese.

    RispondiElimina
  3. interessante questo blog.... io sono una che guarda tanta tv (sky)... e, se può va al cinema... serie e film sono il mio pane quotidiano... ^________^

    sì, il film EX sembra divertente... vedremo!

    buon weekend

    RispondiElimina

Posta un commento