Zack and Miri make a porno



Maledetto Kevin Smith. Lo sapevo, alla fine riesce sempre a sorprendermi. Con le sue storie di provincia, con i suoi personaggi perdenti e stralunati, con le sue storie sboccate ma piene di vitalità, romantiche senza concessioni, semplici senza essere stupide. Da Clerks, fino a In cerca di Amy, Smith non ha fatto altro che declinare la sua passione per la stessa tipologia di personaggi e per le stesse storie (quotidianamente e romanticamente nerd), riuscendo sempre a divertire con classe (magari non con eleganza, ma a noi piace così), creando storia a suo modo "universali", cui è facile riconoscersi.

Così anche Zack and Miri make a porno ti acchiappa con questa storia di perdenti che non riescono a pagare le bollette di casa, e si improvvisano produttori/registi/attori di un film porno, e ti rapisce in una storia d'amore nata sul set di questo porno amatoriale che, inizialmente, vuol essere una parodia, guarda un po', della fissa nerd per eccellenza di Smith, cioè Star Wars (ribattezzato per l'occasione Star Whores).

Dialoghi serratissimi, volgari e divertenti, situazioni al limite del grottesco, porno più parlato che esibito, e poi, quando meno te lo aspetti, Smith ci mette in mezzo l'intensa scena romantica che ti lascia con i brividi, o la scena disgustosa dopo il più classico dei litigi tra innamorati (altro che "amore interspecie"... vedere per credere).

Gli attori fatto tutti la loro parte alla grande: Seth Rogen funziona meglio qui che nei film di Judd Apatow; Elizabeth Banks è deliziosa; Treci Lord che si autoparodia è una garanzia; Jason Mewes in una parte inedita (ma non meno folle e divertente) fa faville; Justin Long e Brandon Routh interpretano una coppia gay che duettano in maniera irresistibile (giuro avevo le lacrime agli occhi...).

Visto in lingua originale. Arriverà mai nella bigotta Italia? Dopo aver creato scandalo con il poster (sopra quello censurato in America), e con quel porno nel titolo che proprio non va giù a certi distributori, prevedo una circolazione casalinga e ultracut con dialoghi epurati.

Occhio ai titoli di coda.



Apprendo inoltre che è stato pubblicato recentemente il primo libro di Kevin Smith intitolato Silent Bob Speaks, che consiste nella raccolta di articoli e saggi scritti dal nostro per diverse riviste. Lo voglio...

Commenti

  1. Adoro Kevin Smith!!!
    Considerato quanto ci ha messo Dogma ad essere distribuito, mi sa che non ci conviene trattenere il respiro mentre aspettiamo ^__*
    Io me lo procuro subito e, a proposito, si trovano sottotitoli comprensibili (almeno in inglese, intendo ^__*)?

    RispondiElimina
  2. Vai tranquillo Weltall, si trovano sottotitoli sia in inglese che in italiano... e il film merita veramente!!

    RispondiElimina
  3. Il titolo è tutto un programma...
    Il film è di Kevin Smith...

    ...e io scarico!!! :D

    Grazie per la segnalazione!! ;)

    Ps: e da quando Silent Bob ha cominciato a parlà? XD

    RispondiElimina
  4. Bè dai Silent Bob qualche parola l'ha spiccicata nei film precedenti... ma solo per dire "grandi verità"! :)
    Con Kevin Smith vai sul sicuro, se ti sono piaciuti i film precedenti ti piacerà anche questo!

    RispondiElimina
  5. Questo mi manca proprio, non sapevo avesse fatto un altro film! A parte Dogma che non mi è piaciuto gli altri li ho amati tutti, e hai ragione, KS sa essere volgare e romantico come pochi!
    Complimenti al blog veramente interessante, scrivi veramente bene e sai rendere in poche parole quello che vuoi dire senza essere pedante o noioso...è una bella qualità!
    Lolle

    RispondiElimina
  6. Grazie mille Lolle... spero allora che continuerai a seguirmi!

    RispondiElimina
  7. Visto!!!
    E sono pure parechio soddisfatto ^__^

    RispondiElimina

Posta un commento