Goffredo Vittori, l'ultimo poeta



Non so voi, ma io passerei ore ed ore ad ascoltare i racconti degli anziani; quei racconti un po' nostalgici, un po' tristi un po' ironici, che iniziano sempre con "Ai miei tempi...", quei racconti che molti considerano residui di un altro tempo, noiosi da ascoltare, "vecchi" e sensa un reale senso o significato.
Ebbene, io dentro quei racconti ci vedo un mondo intero che è sparito ma che cerca in tutti i modi di farsi ricordare. Penso sia un po' nostra responsabilità cercare di non far morire determinate memorie, di tramandarle, magari utilizzando le nuove tecnologie, quelle tecnologie che gli anziani vedono con occhio sospetto.

Goffredo Vittori è un cittadino di Mentana, la cittadina garibaldina alle porte di Roma. E' un poeta, forse l'ultimo poeta della città, capace di trasformare la sua memoria in rime, capace di paragonare Mentana all'Inferno di Dante. E' un piacere starlo a sentire.
Non ho potuto mettere nel video tutto quello che mi ha detto, ma tornerò a parlare con lui, e cercherò di "rubare" più ricordi possibili...

Commenti