Segnali dal futuro



E ci siamo giocati anche Alex Proyas.
Certo, è vero che ultimamente non brillava per originalità, e la visionarità cupa degli esordi era un ricordo già con Io, Robot, ma con questo Knowling, battezzato da noi Segnali dal futuro, il buon Alex si è prestato ad un solito, penoso, anonimo filmetto con Nicolas Cage.

Attore che di per sè è già un mezzo mistero, capace di risollevare film con la sua sola presena o di affossarli del tutto - mai filmografia soffrì di una schizofrenia qualitativa tale da permettergli di realizzare film indimenticabili, e film ignobili ma di un ignobile...

Ma non è neanche questa la cosa che mi ha molto irritato di questo film. Quello che mi ha veramente irritato - e che mi irrita molto in film di questo genere - è il suo veicolare in maniera disonesta alcuni messaggi, con lo specchietto per le allodole del catastrofismo, delle scene (tre in tutto) di botti ed esplosioni, con la poltrona del cinema che trema e i popcorn che ti restano bloccati nell'esofago.

Perchè quelle scene sono girate ottimamente, il regista fa vedere la sua mano - che non ha perso cavolo a allora perchè? - la tensione ed il coinvolgimento sono giusti, e allora perchè buttare tutto in vacca con un finale catto-salvifico che Ratzinger adorerebbe? Un film dosonesto, perchè mi prende con una storia intrigante, mi inquieta la prima mezz'ora, mi distrae con le tre scene sopracitate, per poi spararmi uno dei finali moraleggianti, istruttivi, tranquillizzanti più brutti, ridicoli, deprimenti, patetici che filmografia recente ricordi.

Più brutto ancora del parrucchino di Nicolas Cage.

Commenti

  1. In effetti son sempre curioso nei confronti dei film in cui compare Cage, proprio per lo stesso motivo che dici: E' capace di trasformarli in capolavori o... di affossarli completamente. Una sorta di schizofrenia artistica, un giorno è piatto come il manto stradale, quello successivo ha una espressività incredibilmente accattivante. Boh!
    Ad ogni modo, già dal titolo, dal trailer... il film non mi convinceva un granché. Ovviamente non l'ho ancora visto e, questa recensione non mi invoglia di certo.

    RispondiElimina
  2. Da vedere solo per la bella scena del disastro aereo, che al cinema fa veramente il suo effetto... me per il resto il film è veramente poca cosa... e continuo ad essere irritato se ci ripenso...

    RispondiElimina
  3. in fondo il tema dell'apocalisse è mutuato da miti e religioni varie...

    RispondiElimina
  4. @recenso: Assolutamente vero... è però ingiusto e truffaldino spacciarmi un saggio pseudoreligioso per thriller catastrofico...

    RispondiElimina
  5. il film piu penoso mai visto finora di catastrofi con un finale davvero pessimo.
    voto 0/10

    RispondiElimina

Posta un commento